Solidarietà al Centro Ararat

12801618_1132056486818581_1249076851391059899_n

Dalle montagne del Kurdistan al cuore di Roma, solidarietà ad Ararat sotto sgombero!
Come compagni e compagne di Firenze esprimiamo la nostra solidarietà al centro Ararat minacciato di sgombero dal prefetto Tronca.
Dopo oltre 17 anni di iniziative culturali, politiche e sociali, che hanno fatto di Ararat uno degli spazi più vivi ed attivi della città che oggi lo mette in vendita insieme a tante altri spazi sociali di Roma, si vuole così cancellare un’esperienza che è stata fra le più importanti e significative, nata grazie alla determinazione degli esuli politici kurdi e di attivisti generosi come Dino Frisullo, cui non a caso è stata dedicata la piazza al Testaccio che ospita Ararat, e con il quale anche noi abbiamo condiviso il percorso di mobilitazione e sostegno alla resistenza all’occupazione in Kurdistan.
Mentre la resistenza dei kurdi in Siria contro l’Isis attira le “simpatie” internazionali, nel Bakur, Kurdistan turco, ogni giorno si muore e si lotta per gli attacchi dell’esercito turco alle esperienze di emancipazione e liberazione portate avanti dalle forze della sinistra kurda legate al PKK. Tutto questo nel silenzio assordante dei media e con la complicità e sostegno dei nostri governi al macellaio Erdogan, in nome della comune appartenenza alla Nato e per le politiche assassine e vergognose sull’immigrazione.
In questi mesi il Centro Culturale è stato punto centrale per le attività e le mobilitazioni a fianco della resistenza kurda, riferimento per i rifugiati kurdi e per tutte le realtà solidali con la loro lotta di liberazione. Con lo stesso silenzio e con le stesse complicità viene oggi minacciato di sgombero da parte delle autorità.
Con la sicurezza che i compagni e le compagne sapranno rispondere e reagire a questi tentativi, vogliamo esprimere la nostra solidarietà al centro Ararat e la nostra disponibilità a partecipare e sostenere alle iniziative ed alle mobilitazioni che verranno decise per opporsi allo sgombero.

Solidarietà ad Ararat
Per un Kurdistan libero dall’oppressione e lo sfruttamento
Libertà per il presidente Ocalan
Fuori il PKK dalle liste antiterrorismo

CPA Firenze sud, Cantiere Sociale Camillo Cienfuegos, Collettivo Politico Scienze Politiche

 

I commenti sono chiusi.