Sabato 17 Marzo
CORTEO ANTIFASCISTA
a Campo di Marte

29025675_2097913887094315_6780080822809526272_nSABATO 17 MARZO CORTEO ANTIFASCISTA nel QUARTIERE DI CAMPO DI MARTE

In questo periodo storico, dove sembriamo esserci dimenticati la nostra stessa umanità, è necessario ricordare tutti quelli che per mano dei fascisti e del razzismo hanno perso la vita. Ma non solo: bisogna continuare a lottare per una societa’ giusta e per abbattere questo clima d’odio, fomentato da fascisti,razzisti, istituzioni e politicanti. Non è piu possibile restare in silenzio: non dobbiamo convincerci che tutto quel che abbiamo visto e stiamo vedendo sia la normalità.

Scendiamo in piazza per ricordare l’omicidio di Davide Cesare “Dax” ucciso a Milano la notte del 16 marzo 2003 da due militanti di estrema destra, dopo una serata con gli amici.

Per ricordare l’eccidio di Campo di Marte del 22 marzo del 1944 quando 5 ragazzi dai 18 ai 21 anni vennero trucidati per essersi rifiutati di far parte della leva repubblichina di Mussolini, sotto lo sguardo terrorizzato dei cittadini e dei 100 ragazzi come loro, che erano già stati arruolati.

Per fermare questo clima d’odio e di terrore che ormai da anni sotto vesti sempre più evidenti e si sta ramificando in tutti i quartieri, i posti di lavoro, le città. Il razzismo populista di Salvini, la distruzione della scuola e la precarizzazione del lavoro da parte del Pd, Nardella, Minniti, che con le sue politiche “securitarie” incute terrore e odio verso chi non è conforme con la società che vorrebbe chi sta ai piani alti, che odia chi non è bello da vedere, dando daspi di piazza, cacciando i senza tetto dalle panchine, facendo la caccia al venditore ambulante per la gloria del famigerato”decoro urbano”. Il risultato di anni di politiche di smantellamento dei servizi e dei diritti è la disperazione delle classi povere, la solitudine in cui ci vogliono rilegare, l’odio verso chi potrebbe essere una minaccia per il nostro misero orticello.

A Macerata poco più di un mese fa sono stati feriti a colpi di pistola 6 uomini e donne da Luca Traini, chiamato “pazzo” da tv e giornali, ma che in realtà va chiamato col nome che in televisione non vogliono dire: Fascista.

Qui a Firenze, il 13 dicembre del 2011 Gianluca Casseri appartenente a CasaPound uccise a colpi di pistola Samb Modou e Diop Mor, nella stessa Firenze in cui il 5 marzo 2018, a 7 anni dalla strage di piazza Dalmazia, viene freddato con 6 colpi di pistola Idy Diene, cugino di Samb Modou.

In questa Firenze, si colpisce con la repressione chi lotta contro tutto questo; vengono processati 10 antifascisti per aver chiamato un presidio alle Piagge per impedire il concentramento chiamato dai neofascisti Forza Nuova; questi soggetti furono scortati dalla polizia qualche chilometro piu lontano, dove minacciavano chi si trovava in disaccordo con la loro presenza, sempre ben protetti. Appena il presidio apprese la notizia, provó a muoversi, ma venne caricato dalla polizia.
Il 9 marzo potrebbe essere il giorno della conclusione di questo processo contro la Firenze Antifascista; per questo diamo appuntamento alle ore 15 sotto il Tribunale di Firenze.

Aspettiamo notizie per quanto riguarda un possibile corteo nazionale indetto dalla comunita’ senegalese per sabato 10 marzo.

Contro chi sfrutta e opprime
Contro fascismo, razzismo e sessimo
Contro un sistema conforme con la politica fascista

Appuntamento allo Skate Park di Campo di Marte, V.le di Maratona, ore 15:00, davanti al sacrario che ricorda i “Martiri di Campo di Marte”

I commenti sono chiusi.